Dal Grotte Celoni al Grande Fratello: la meravigliosa avventura del piccolo Aquino!

18
aprile
2018

Posted by admincalciovero

Posted in Eccellenza / slidenews

0 Comments
danilo-aquino

Dalla maglia numero 9 con tanto di fascia di capitano, alla Casa del Grande Fratello, con incontro ravvicinatissimo con una delle donne più belle della tv, Aida Yespica. Che si è fatta trovare prima sotto la doccia, con un filo interdentale come costume: poi direttamente in piscina. Il nostro Danilo, un po’ imbarazzato e un po’ divertito, certo meno a suo agio che nell’area di rigore,  è il primo concorrente che entra nella Casa del Grande Fratello 2018 . E’ lui il primo a varcare la Porta Rossa. “Bello tutto qui, ma chi la pulisce sta Casa?”, è il suo esordio. Barbara D’Urso lo invita a raggiungere il Confessionale poi ad uscire perché una donzella in difficoltà si trova sotto la doccia, che sembra non funzionare bene: è  Aida Yespica! Danilo la raggiunge, ma quando arriva, non la trova; la showgirl si è trasferita in piscina. Danilo butta il microfono e si tuffa con capriola per salvare la ex concorrente del GF VIP.

Che spettacolo!

Ma chi è veramente Danilo Aquino? Il mondo del calcio romano dei dilettanti lo conosce bene. Nato e cresciuto a Tor Bella Monaca, quest’anno ha iniziato il campionato di Eccellenza alla corte di patron Piervincenzi. “Io vado sempre in doppia cifra, presidè, i gol li ho sempre fatti”, è stato il suo primo contatto con Emilio Piervincenzi. “Lo spero, Danilo. E ci servi anche per tenere a testa alta la squadra, tu sei uno di strada e di Tor Bella, quindi ti staranno a sentire”, fu la replica. E Danilo: “Statte senza pensieri, presidè. Ce penso io”.

E così cominciò la sua avventura, che andò bene – cinque gol – fino a quando Danilo rivelò al presidente Piervincenzi che causa lavoro non poteva più venire ad allenarsi al “Panichelli”. “Mi spiace, presidè: ma devo lavorà e dalle 3 alle 5 nun ja posso fa’…”. A malincuore i due si separarono, a malincuore perché Aquino era un duro, un piccolotto furbo e veloce che sapeva fregarti quando trovava uno spazio. Un gol lo fece anche alla Vis Artena, che fra due domeniche sarà ospite del Monte Grotte Celoni.

Ora tutti tifano per lui, tutti tifiamo per lui. Un ragazzo di borgata, uno di quelli che per campare ha imparato un mestiere (aggiusta elettrodomestici in giro per la città) e non ha scelto scorciatoie, e per godersi un po’ di più la vita gioca a calcio, racimolando qualche soldo di rimborso spese. Tifiamo per lui perché è un ragazzo vero, come lo vedi al GF così era in campo e così è nella vita. Tifiamo per lui perché i bellocci non ci sono mai piaciuti. Tifiamo per lui perché ce lo ricordiamo quando arrivava al campo, con la tuta sporca di grasso e la borsa del pallone. E la domenica ti dava tutto quello che aveva in corpo. Danilo, daje: noi semo con te!

Comments are closed.