Eccellenza, sempre più difficile ripartire

admincalciovero 30 Gennaio 2021 0
Eccellenza, sempre più difficile ripartire

Dalle notizie più recenti appare molto difficoltosa la ripresa dei campionati di Eccellenza. Già molte squadre hanno palesato una totale impossibilità della ripresa.

Molte sono infatti le compagini che hanno già ceduto giocatori a società di serie D e molte sono le squadre in tutta Italia che hanno ristretto in modo sensibile la rosa proprio per dare l’opportunità agli atleti di continuare a percepire rimborsi e non rischiare di perdere un altro anno calcistico.

Iniziare nuovamente per molti sarebbe un grosso problema e la maggior parte delle società, in Emilia Romagna per esempio, ha già manifestato la contrarietà in merito alla ripresa dei campionati seppur con particolari protocolli. Al coro si aggiungono numerosissime squadre di Eccellenza delle altre regioni. Le difficoltà rilevate sono importanti: in molti casi la riduzione della rosa per cessioni e la impossibilità di utilizzare elementi juniores (categoria ovviamente ferma fino ad oggi), la difficoltà nell’applicare il protocollo, i costi dei tamponi, i mancati ricavi da sponsorizzazioni, senza considerare poi che gran parte dei giocatori che militano in eccellenza si dedicano anche ad attività lavorative che implicano ovviamente una moltiplicazione dei contatti e di rischi per cui gli sforzi fatti per un’eventuale applicazione del Protocollo potrebbero risultare vanificati in breve tempo.

Per tutti questi motivi e per le varie e numerosi opposizioni delle società la ripresa dei campionati di eccellenza sembra ormai altamente improbabile anche perché é chiaro che si tratta di campionati regionali ma con implicazioni per la serie D (promozioni e retrocessioni) e sarebbe quindi impossibile anche solo pensare ad una ripresa parziale di alcune regioni o di alcune squadre per regione. Insomma, mai come in questo caso o tutti o nessuno.

Comments are closed.