Troppo Pomezia per i baby Perconti

04
novembre
2018

Posted by admincalciovero

Posted in Eccellenza Girone B / slidenews

0 Comments
gaglia

POMEZIA-VIGOR PERCONTI 4-0

MARCATORI: Celli 35′, Gamboni, 20′ st, Laghigna 30′st, De Santis 37′st.

Arbitro: signor Limonta di Lecco

Note: partita giocata al limite dell’impraticabilità. Laghigna (15′st) calcia alto un calcio di rigore

POMEZIA – Calisse, Tortora, Celli, De Santis, Piccheri, Baylon, Gamboni (20′st Valentino), Ruggiero (30′ st Buzzaglia), Laghigna, Laurato (35′s7 Di Nezza), De Falco (37′st Sperati).

A dispos. : Pinna, Campo, Lo Pinto, Di Ventura.

All. Gagliarducci

VIGOR PERCONTI – Trinchera, La Posta (20′st Giampietro), Di Paolo, Caccia, Carnevali (25′st De Angelis), D’Ovidio, Arduini (30′st Saltalamacchia), Bellardini (25′st Rossi ), Rante, Igliozzi (5′st Ippoliti), Pagni.

A dispos. Alessandrini, Mannarelli, Pastorelli, D’Ovidio S.

All. Bellinati

ROMA – Troppa la differenza di età, centimetri, chilogrammi ed esperienza fra il Pomezia di Gagliarducci e la Vigor di Bellinati. E su un campo al limite dell’impraticabilità e della omologazione la “meglio gioventù2 in maglia blaugrana poteva fare ben poco. Palla lunga a saltare il centrocampo, i due esterni – Di Falco e Gamboni – a raccogliere palla e a metterla in area per Laghigna e i centrocampisti che a turno si inserivano. A lungo andare il go sarebbe arrivato. Magari  non ti aspetti che sia un calciatore di qualità e di enorme esperienza come Carnevali a facilitare la prima realizzazione dei bianchi pontini, ma certo il fallo al limite del’area su Laghigna poteva evitarlo, il capitano della Perconti. Era il 35′, fino a quel momento poco o punto i pericoli portati dalla corazzata di Gagliarducci verso la porta romana, e quell’episodio ha dato la svolta alla partita. Tiro di Celli, uno dei migliori in campo, forte e rasoterra, palla che schizza come una saponetta e sulla quale nulla può Trinchera. La partita in pratica finisce lì. Anche se Eupalla, dea capricciosa e imprevedibile che domina le sorti dei rettangoli di gioco mondiali, stava per metterci lo zampino. Calcio di rigore – solare – per fallo su Laghigna, che si porta sul dischetto. Il suo penalty non verrà ricordato dagli esteti del calcio: palla colpita male, un metro sopra la traversa. E che succede? Che cinque minuti dopo Pagni, meravigliosamente infilato da Rante, entra in area e solo un miracolo di Calisse evita il pareggio. Ma ecco che la palla capita sui piedi del talentuoso falso nueve della Perconti, Rante, che a porta spalancata e senza alcun contrasto calcia un delizioso ma inefficace pallonetto che sfiora la base del palo ed esce. Il Pomezia si salva, la Vigor si autocondanna a morte. Da quel momento la partita non è più competitiva. E vanno in gol Gamboni, Laghigna e infine De Santis, insieme al già citato Celli migliore in campo, per sigillare un rotondo 4-0.

E la Vigor? Beh, quando la partita si  mette sul piano fisico e del contrasto, quando è impossibile per i ragazzi di Bellinati palleggiare e portare avanti la squadra con fraseggi rapidi e qualitativi, la luce scompare. Ora testa alla Coppa (mercoledì il ritorno in casa del Cynthia) e soprattutto al campionato: in casa Perconti arriva la Cavese e sarà uno scontro diretto per la salvezza.

 

 

Comments are closed.