Perconti-Nettuno, gol e spettacolo

14
ottobre
2018

Posted by admincalciovero

Posted in Eccellenza / Senza categoria / slidenews

0 Comments
loria-nettuno

VIGOR PERCONTI – VIRTUS NETTUNO 2-2

MARCATORI: 7′ Venutolo (VP), 16′ Lucidi (VN), 35′ La Posta (VP), 43′ st Lucidi (VN)

Note: espulso D’Ovidio (VP) 35′ st

VIGOR PERCONTI – Trinchera, La Posta, D’Ovidio,  Caccia,  Carnevali, Bellardini, Arduini (15′st Pastorelli), Igliozzi (20′st Ippoliti), Venutolo (15′st Pasqualini), Rante (25′st Rossi), Pagni (30′st Di Paolo),

A dispos. Alessandrini, Brisciana, Saltalamacchia

All. Bellinati (squalificato, in panchina Martinelli).

VIRTUS NETTUNO – Caruso, Poltronetti (1′st Mortaroli), Trincia (30′ st D’Auria), Mauro (35′st Caronti), Cirilli, Bernardi, Miola (30′ st Nardini), Loria, Lucidi, Cioè.

A dispos. Lorello, Di Mario, Finotti, Catania, Minnoci

All. Panicci

Arbitro: sign Lupinski (Albano LAZIALE)

ROMA – Gol e spettacolo all’impianto sportivo Perconti, dove due squadre con diversi elementi di talento a disposizione si sono affrontate a viso aperto partorendo così una partita difficile da vedere nel campionato regionale di Eccellenza. Scambi rapidi palla a terra, iniziative personali anche al limite del rischio, rarissime le palle buttate via… Nei novanta minuti di gara si può tranquillamente affermare che nessuno si è mai fermato a tirare il fiato, nemmeno gli spettatori in tribuna (tra cui spiccava la presenza di mister Ippoliti, selezionatore della rappresentativa regionale juniores, e del calciatore Juan, frutto del vivaio percontiano ora al Perugia in serie B).

Al pronti via, dopo appena 5 minuti, uno dei calciatori più talentuosi degli ospiti, Lauri, faceva partire un destro secco da fuori area che incocciava il palo alla destra di Trinchera. Un giocatore, questo Lauri, che mister Panicci aveva inserito dietro le punte, entrambe bravissime, Loria e Cioè, e che sapeva dunque rendersi pericoloso. Immediata la contromossa di Bellinati, che passava subito al centrocampo a tre dopo aver iniziato col 4-2-3-1, e limitava così il raggio d’azione della mezz’ala ospite. Partita bellissima, dicevamo: dopo l’occasionissima creata da Lauri, il gol del giovane Venutolo (un 99) che di testa saltava in area e depositava la palla nell’angolino basso alla destra di Caruso. Grande gol, per coordinazione e forza. Perconti in vantaggio, ma il Nettuno non mollava niente e se possibile accelerava anche la rapidità delle sue giocate. Così dieci minuti dopo, grazie a un’azione spettacolare di Loria, un calciatore che c’entra poco con questa categoria, i blues pareggiavano. Loria dal fondo del campo compiva una magia, saltando netto il difensore sul filo della rimessa e metteva la palla dietro, un invito perfetto per Lucidi che incollava benissimo e incrociava in rete.

Ma il match continua ad essere equilibrato ed entrambe le compagini non si risparmiano nel creare occasioni da rete. Il Nettuno mostra di soffrire un po’ sulla sua fascia sinistra e infatti è da questa parte che corre maggiori rischi. La Posta, altro 99, non solo continua a difendere benissimo ma si propone in continue incursioni sulla fascia che lo portano a crossare sempre in maniera pericolosa. In una di queste incursioni la palla capita sui piedi di Rante, che colpisce a colpo sicuro, ma Caruso respinge miracolsamente. La Posta, che aveva seguito l’azione, la mette in rete. 2-1 e Maurizio Perconti, che sta seguendo la partita dalla tribunetta autorità, non riesce a trattenere l’entusiasmo.

Si va al riposo e al rientro Panicci cambia squadra. Sposta il talentuoso Lauri centrale di difesa, inserisce Mortaroli, che quando è in giornata sa essere devastante. Il tris d’attacco ora fa veramente paura: Mortaroli-Loria-Cioè. La Vigor regge la botta, ma ormai il Nettuno si installa stabilmente nella sua metà campo. Tuttavia diverse occasioni in contropiede, prodotti non casuali della “banda Bellinati”, non sono sfruttati a dovere dai ragazzi di Colli Aniene. Al 15′ st forti le proteste del Nettuno su un chiaro fallo di mano di La Posta, che il giudice di gara considera involontario anche per l’estrema vicinanza del contatto con la palla. Il Nettuno spinge, il fortino Perconti resiste. Bellinati cerca di rafforzare le difese: entra Pastorelli per Arduini, due attaccanti grandi ed esperti per Venutolo e Pagni, Ippoliti per Igliozzi (uscito malconcio). Ma la svolta vera capita al 35′, quando D’Ovidio, uno dei migliori dei suoi, esce dall’area palla al piede ma anziché scaricarla tenta la sortita verso il  centro del campo. La palla gli si allunga, eD’Ovidio frana addosso al difensore avversario. Giallo incontestabile, che unito al giallo precedentemente sia pur ingiustamente preso diventa rosso. Perconti in dieci, privato per di più di uno dei difensori migliori. Il contraccolpo si sente, il Nettuno spinge e spinge, finché al 43′ perviene al pareggio. Calcio d’angolo, Lucidi – che viene lasciato completamente solo fuori area – ha la grande capacità tecnica di incollare la palla, tenerla bassa, e di spedirla all’angolino dove Trinchera non può arrivare.

Finisce 2-2, risultato giusto fra due squadre che hanno dimostrato di saper giocare al calcio.

Comments are closed.