Albalonga, il sogno dura un tempo.

24
settembre
2018

Posted by admincalciovero

Posted in Serie D / slidenews

0 Comments
pippi-albalonga

AVELLINO (4-4-2): Lagomarsini 5; Patrignani 5, Mikhaylovskiy 5.5, Morero 6.5, Scarf 6 (38′ pt Tompte 6.5); Tribuzzi 6 (18′ st Buono 6), Gerbaudo 7, Matute 6, Parisi 6.5 (35′ st Totaro sv); Ciotola 6 (39′ st Ventre sv), De Vena 6.5 (30′ st Acampora 6). A disp.: Bruno, Sforzini, Nocerino, Dondoni.

All.: Graziani 6.

ALBALONGA (4-3-1-2): Del Moro 6; Lommi 6, Panini 5.5, Paolacci 6, Pace 5.5 (22′ st Magliocchetti 5.5); Di Cairano 6 (22′ st Capogna 5.5), Barone 5.5, Fatati 6 (33′ st Pagliarini sv); Succi 5.5; Pippi 6.5, Massella 6. A disp.: Iorio, Pucino, Novello, Proietti, Mastromattei, Follo.

All.: Ferrazzoli 6.

ARBITRO: Virgilio di Trapani 5.5. Guardalinee: Mazzarà e Spina.

MARCATORI: 33′ pt Pippi (AL), 3′ st De Vena (AV), 5′ st Morero (AV).

AMMONITI: Pace (AL) e Massella (AL) per gioco violento; De Vena (AV) e Mikhaylovskiy (AV) per comportamento non regolamentare. NOTE: paganti 3143. Angoli: 4-3 per l’Albalonga. Recupero: pt 2′, st 4′. di Leondino Pescatore

AVELLINO – Esame superato. Questo nuovo Avellino ha cuore, temperamento e fame. Sotto di un gol dopo metà gara, la squadra biancoverde è riuscita a capovolgere il risultato attraverso un forcing esagerato. L’Albolonga era passato in vantaggio al 33’ pt attraverso una madornale leggerezza difensiva dell’Avellino, con l’incerto portiere Lagomarsini che ha confermato il suo disagio tra i pali, uscendo a vuoto su un perfetto traversone spedito da Paolani dalla sinistra, con la palla finita quindi tra i piedi di Pippi, pronto a deviare la palla nella porta vuota. In un primo tempo abbastanza opaco, è stato l’unico episodio rilevante al quale va aggiunto quello che ha visto protagonista il mediocre arbitro Virgilio che ha negato un calcio di rigore all’Avellino (43’ pt) per un evidente fallo di mano di Panini su conclusione di Ciotola. RIPRESA. Al rientro in campo, a testa china per la strigliata ricevuta negli spogliatoi, i calciatori dell’Avellino sono apparsi indemoniati, mettendo alle corde un avversario comunque valido, sorprendendo l’Albalonga con due conclusioni vincenti in fotocopia, pareggiando dapprima il risultato con De Vena, quindi siglando la rete del sorpasso con l’esperto Morero. Al 3’ la squadra di casa ha sfruttato la punizione calciata da Gerbaudo dalla sinistra con palla a spiovere in area verso De Vena, rapido nell’anticipare gli avversari con una conclusione da vero opportunista, riequilibrando il risultato. Nemmeno due minuti ed ecco il gol del vantaggio: angolo dalla destra con traversone ancora di Gerbaudo destinato al difensore Morero che, in proiezione offensiva, svetta più alto di tutti deviando la palla in rete, mandando in estasi il pubblico del Partenio al quale piace la vittoria, in qualsiasi categoria. Al 13′ possibilità del tris con Tompte che, presentatosi solo davanti a Del Moro, manda di poco altro, quindi il brivido per la traversa colpita da Panini con Lagormarsini ormai battuto.

(Corsport)

Comments are closed.